sabato 4 marzo 2017

Pure con le negre!

Mi stupisce la perfetta coincidenza del finale di Mephisto di Klaus Mann con quello di Borotalco di Carlo Verdone:


Sempre la solita Schwarze Venus, che si manifestò come donna khoi (Saartjie Baartman, la “Venere Ottentotta”) nelle esposizioni etnologiche di fine ’800; come Vénus noire al cospetto di Baudelaire, nelle sembianze di Jeanne Duval; e come preda e trofeo nella fase libertina del colonialismo, fino alle esibizioni di Joséphine Baker senza soluzione di continuità con la Blaxploitation americana.

Nell’ottobre del 1970 la rivista “Jeune Afrique” pubblicò le foto di una modella nera in deshabillé, la ballerina del Crazy Horse Miss Zabôô. La redazione venne subissata di proteste da parte dei lettori: l’esibizione della négresse era roba da generali nostalgici o da rivistacce del lubrico occidente borghese; che c’entrava con un giornale progressista e anticolonialista?


La polemica giunse anche in Italia: ne parlò persino Augusto Del Noce (Neo-colonialismo e pornografia, “Europa”, n. 26-27, 31/10/1970, pp. 81-84):
«Oggi è un fatto che pornografia e colonialismo si sono associati. Al negro viene oggi riconosciuto un “valore”, ma purché si adegui all’immagine che la “razza dominante”, la razza “bianca” ne ha costruito a proprio vantaggio. Si adegui, cioè alla versione “relativista” del mito del buon selvaggio; il buon selvaggio dimostrerebbe la relatività di tutti quei valori che la civiltà ha presentato come assoluti, annullando con ciò il culto della tradizione, come culto mistificatorio. […] [Si è scelta] quindi una nuova via colonialista: i paesi dell’Occidente […] si sarebbero auto-sradicati dalla tradizione. In questo auto-sradicamento avrebbero incontrato la négritude, che continuava a essere caratterizzata secondo il modello consueto, non diverso in nulla da quello già proposto dal conte di Gobineau, dalla totale prevalenza del senso e dell’immaginazione. Dunque, dopo che questi caratteri specifici sarebbero stati integrati (danze, musiche, arte negra, ecc., giù giù fino agli spogliarelli), dopo aver onorato coloro che più si distinguono in queste arti, dopo, in base al naturismo e al “principio del piacere” avere assorbito la “cultura africana”, la négritude si sarebbe trovata inserita nel mondo civile, però al momento del carnevale e della festa. […] I negri più seri hanno però provato di aver compreso perfettamente il giuoco. Tenetevi, hanno risposto, l’erotismo che consegue alla crisi di negatività rispetto alla tradizione che caratterizza oggi la vostra civiltà, non attribuitelo però a noi, e soprattutto badate bene a non farne un simbolo della nostra cultura. La liberazione negra non è affatto partecipazione alla vostra crisi».
Gli argomenti restano tuttora validi, anche se la fotografia erotica ha ormai fatto il suo tempo e oggi si parla soprattutto di controllo demografico e colonialismo culturale (contraccezione, aborto, sterilizzazione, ideologia gender ecc…). Ma lasciamo da parte questa roba – I promise I won't get all political. I tre drink li avevo bevuti per parlare esclusivamente della negra, che rimane un oggetto misterioso per i maschi ingenui.

Sia chiaro che io non so nulla di queste cose, però qualche tempo fa mi è capitato di vedere un video in un cui una ragazza afroamericana attacca uno sfigato con i rasta reo di essersi impadronito di uno stereotipo della “sua” cultura:


Ora, il tizio bianco (che di cognome fa pure Goldstein…?!), non ha capito che questa è la modalità standard con cui le nere approcciano i visi pallidi. In Italia lo stesso fenomeno si verifica quando un maschio nordico incontra una ragazza meridionale (non a caso molto spesso ci si riferisce al Sud Italia come “Africa”), tuttavia negli ultimi anni, grazie all’immigrazione e ai matrimoni misti, sta emergendo anche da noi questo tipo di femminilità black.
Personalmente ho vissuto qualcosa di simile alla scena di cui sopra parecchie volte: ad esser sinceri, è solo molto tardi che ho capito in cosa consistesse la faccenda, forse troppo tardi (almeno non ho dato a nessuno il pretesto per prendermi a cinghiate). Anch’io restavo sconcertato, telefonavo in lacrime a mia madre (“Lo sai cosa mi ha detto quella? Io non le ho fatto niente!”), specialmente nell’epoca in cui ero di sinistra e credevo al bon sauvage. Poi ho capito appunto che si trattava soltanto di uno stupido rituale d’accoppiamento. Anvedi ’ste morette…

Non vorrei però chiudere con questa malinconia. Quindi, per la gioia dei maniaci, ecco un paio di fotografie riassuntive di quanto è stato detto (immagini e testi tratti da... una rivista fotografica, “Photo 13”, roba anni ’70):

«È questo  un pezzo pochissimo noto di un servizio fotografico, realizzato nel corso dei preparativi di una festa al Circolo Ufficiali di Massaua, nel 1892 (epoca delle prime guerre coloniali italiane), dal fotografo Marietti già con studio in Napoli, emigrati con i primi civili italiani in Eritrea al seguito delle truppe d’invasione.
La foto del Marietti rappresenta il “corpo di ballo” formato con i “migliori elementi” del postribolo locale. La scritta dice: “Teatro Circolo Ufficiali – Ballo Theodoros – Ballerine di 1a fila – Massaua 20 ottobre 92 – fotog.o L. Marietti”. È supponibile che quest’ultimo ne stampasse qualche decina di copie per venderle come ricordo agli ufficiali.
Si noti nella composizione la grottesca ricerca della simmetria. Le ragazze sono in gran parte giovanissime, dai 13 ai 15 anni. Il fondale “africano” dipinto e tenuto sollevato da due colonne di legno e i cappucci da prete copto e i berretti militari, completano il quadro tragico e malinconico di “costume coloniale”»
«Ci troviamo di fronte a un piccolo capolavoro: uno dei pezzi più belli in assoluto della storia della fotografia italiana. La splendida fanciulla etiope qui ritratta era la “prima ballerina” del “balletto Teodoro” organizzato dal Circolo degli Ufficiali. Il pezzo originale è costituito da una stampa al collodio virato in cilestrino, splendido, irripetibile...»

Nessun commento:

Posta un commento