giovedì 23 marzo 2017

Pazolini

Uno degli articoli più letti di questo blog è quello dedicato al padre di Pasolini, Carlo Alberto, che in realtà consta solo di qualche dettaglio poco conosciuto emerso dalle lettere del Poeta stesso.
Della vita di questo ufficiale bolognese, all’apparenza neanche tanto banale, non sappiamo nulla e ne sapremmo ancora meno senza cotanto figlio (seppur ingrato). Tuttavia negli ultimi tempi mi ha colpito l’interesse suscitato dalla figura di Carlo Pasolini da parte di russi e coreani: giungevano infatti da queste parti strane chiavi di ricerca, tipo Карло Пазолини oppure “Pazolini” (un errore che attribuivo al diverso alfabeto – del resto chi saprebbe scrivere correttamente in cinese il nome di Mao Tse-tung dovendosi basare solo sulla traslitterazione italiana?).

Incuriosito soprattutto dall’incredibile flusso di visite da Seul, ho provato a capire cosa effettivamente i coreani sapessero di Pasolini. Il risultato è: niente (a parte qualche film sottotitolato).
Come si spiega allora tutto questo entusiasmo? Semplice: stanno cercando scarpe!
“Carlo Pazolini” è infatti il marchio di un’azienda italiana conosciuto soprattutto nell’ex Unione Sovietica e in Asia perché al 100% di proprietà russa. Come scrive “Repubblica”: «Il  marchio ha scelto due “z” intrecciate come logo anche per mettere l’accento su un nome che è un omaggio al grande poeta delle borgate romane e dei ragazzi di vita. Perché in russo Pasolini si pronuncia con la “z” [no, è che per la “z” dovrebbero usare il suono “ts” rispetto alla traslitterazione standard, ndr]. Tutto comincia nel 1991, quando un intraprendente uomo d’affari con la vocazione dell’antesignano, Ilya Reznik, intuisce il potenziale che nel mercato russo può avere il sapore dell’artigianalità tricolore. Nasce così Carlo Pazolini, un marchio di “lusso accessibile” di calzature e accessori che nel 2008 taglia il traguardo dei 100 negozi monomarca procedendo nel frattempo alla messa a punto di un ambizioso piano di sviluppo di negozi in franchising».
(Non abbiamo capito da dove proviene il  “Carlo”, ma non importa).

Che dire? Complimenti! E aggiungerei: Sticazzi! Abbiamo fatto la solita figura da mona. Anche loro, però: che c’entra Pasolini con le scarpe? Allora noi ci mettiamo a fare i cappotti “Gogol”, che almeno sono più in tema… Vabbè, è andata così. È un peccato però passare sempre da sfigato anche in queste piccole cose: al diavolo la poesia, bisogna diventare esperti di scarpe, «scarpe […] da donna che costano milioni all’uomo». Perché, è proprio il caso di dirlo, «l’han deciso i [poeti]», e dobbiamo accettarlo.


Per ripicca (?) ho cancellato tutti i post dedicati a Pasolini, lasciando solo quello di suo padre. Così coreani e ucraini penseranno che il regista del Decameron sia stato un virilissimo ufficiale italiano, col quale il suo stesso figlio sognava di fare all’amore (in una rivisitazione dell’Edipo, forse auto-imposta).
Sarebbe anzi il caso di inventarsi proprio un alter ego del Poeta, il “Pazolini”, grandissimo tombeur de femmes, maschio italiano al 100%, che se l’è fatte tutte, da Elsa Morante a Dacia Maraini, da Laura Betti ad Anna Magnani, da Silvana Mangano fino alla Callas.
Dunque, se ve lo chiedono, “Pazolini” è morto mentre faceva sesso con una giovanissima Milly Carlucci. Così evitiamo anche un eventuale danno d’immagine nel mondo slavo…






1 commento:

  1. Carlo Pazolini che peraltro naviga in cattive acque http://rapsinews.com/judicial_news/20161215/277355519.html

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.