mercoledì 8 marzo 2017

Alle cammelle


Nella cultura tradizionale somala, la felicità di un uomo ha un unico metro di misura: il numero di cammelli in suo possesso. Perciò i loro aedi non celebrano le virtù della femmina umana, ma della cammella.

In un’antologia della poesia somala, il grande linguista polacco Bogumil W. Andrzejewski (1922-1994), assieme alla moglie Sheila ha raccolto alcuni di questi canti pastorali.

Dedico questi versi a tutte le lettrici: buon 8 marzo!

Oh tu che mi doni 
il dolce suono 
del tuo bramito
Oh tu che così allegramente 
fai risuonare
il tuo gorgogliante grugnito
è di te che io vo’ cantare!

Chi può tenere il passo 
col tuo andare?
Oh silenziosa inseguitrice
dai piedi delicati
è di te che io vo’ cantare!

(Raage Ugaas, “Alle cammelle”; cfr. B.W. Andrzejewski – S. Andrzejewski, An Anthology of Somali Poetry, Indiana University Press, Bloomington, 1993, p. 7)

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.