venerdì 25 marzo 2016

De la crudel morte de Cristo


De la crudel morte del Cristo
on’hom pianga amaramente.

 Quando Iuderi Cristo pillâro
d’ogne parte lo circundaro;
le sue mane strecto legâro
como ladro, villanamente.

Trenta denar fo lo mercato
ke fece Juda, et fo pagato;
mellio li fôra non essar nato
k’aver peccato sì duramente!

A la colonna fo spolïato,
per tutto ’l corpo flagellato;
d’ogne parte fo’ nsanguinato
commo falso, amaramente.

Pöi ’l menar a Pilato;
e, nel consellio ademandato,
da li Iudèr fo condempnato,
de quella falsa, rïa gente.

Tutti gridaro ad alta voce:
“Moia ’l  falso, moia ’l veloce!
Sbrigatamente sia posto en croce,
ke non turbi tutta la gente!”.

Nel süo vulto li sputaro,
E la sua barba sì la pelaro;
Facendo beffe, l’imputaro
ke Dio s’è facto, falsamente.

Poi che ’n croce fo kiavellato,
Da li Iuderi fo designato:
“Se tu se’ Cristo, da Dio mandato,
descende giù securamente!”

Lo santo lato sangue menao,
E tutti noi recomparao
Da lo nemico, ke ’ngannao
Per uno pomo, sì vilemente!

San Iovanni lo vangelisto,
quando guardava suo maiestro
vedielo ’n croce, molt’era tristo
et doloroso de la mente.

Li soi compagni l’abandonaro,
tutti fugiero e lui lasciaro,
stando tormento forte et amaro
de lo suo corpo, per la gente.

Molt’era trista Sancta Maria
quando ’l suo figlio en croce vedea;
cum gran dolore forte piangeva,
Dicendo: “Trista, lassa, dolente”

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.