venerdì 4 settembre 2015

Sõjavägi kohustab


JMKE
"Sõjavägi kohustab"
(1989)

On karastunud lahinguis me kuulsusrikkad väed
me kuulsusrikas sõdur hoiab automaati käes
Ta lumivalged hambad kaunistavad naeratust
kui pahale afgaanile saab pihta kaevikust
Ta täidab kohustust
Ja sinine on taevas ja silme eest on must

Sõjavägi kohustab
rahvavõimu toetama
Päikses särab kaunis maa
Afganistan

Sõjavägi kohustab meid kaitsma kodumaad
ja kuigi keegi kallale ei taha kippuda
ka internatsionaalne kohus tahab tegemist
On parim kaitse rünnak, nii ütles keegi vist
Pane valmis mõõk ja rist
ja ootavad sind ordenid või ootab tinakirst
C’è una battaglia che ci tempra e glorifica
che glorifica noi soldati con una mitraglia in mano
Affronta con un sorriso bianco come la neve
gli afgani cattivi che assalteranno le trincee
Bisogna adempiere gli ordini
perché il cielo è blu e gli occhi sono neri

L’esercito chiama
Sostenuto dal popolo [*]
Verso una terra piena di sole
Afghanistan

L’esercito ci chiama per difendere la patria
e anche se nessuno vuole mettersi a combattere [**]
il dovere internazionalista impone di avanzare
L’attacco è la miglior difesa, credo che qualcuno lo abbia detto
State all’erta con la spada e con la croce
in attesa degli ordini o di una bara di piombo

[*] Rahva võim è letteralmente “potere del popolo” e vale anche come sinonimo di democrazia.
[**] Annotazione di un’amica estone: “kallale kippuda” non vuol dire semplicemente “attaccare”, ma significa attaccare qualcuno da vicino, combattere anche a mani nude.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.