sabato 4 luglio 2015

Žižek sostiene Tsipras…

Il filosofo sloveno Žižek propone i gulag per chi non appoggia Syriza
Il filosofo sloveno Slavoj Žižek è al centro delle polemiche in Grecia per aver affermato di voler mandare nei gulag gli oppositori di Syriza.
Žižek ha incontrato il leader di Syriza Alexis Tsipras la scorsa settimana [maggio 2013] in Croazia, durante la partecipazione al “Festival dei sovversivi”. Tsipras ha anche fatto conoscenza col regista statunitense Oliver Stone.
Nel corso di una tavola rotonda con Tsipras, Žižek ha espresso apprezzamenti per Syriza. L’accademico era già comparso accanto a Tsipras ad Atene prima delle elezioni nazionali della scorsa estate.
«Syriza è una delle luci che brillano in Europa», ha detto Žižek al pubblico di Zagabria
Tuttavia, è stato uno dei suoi commenti su coloro che non supportano Syriza che ha attirato le critiche quando il video ha iniziato a circolare sui social media.
«Se non sostengono Syriza allora, nella mia visione di un futuro democratico, tutte queste persone avranno da me un biglietto di sola andata in prima classe per il gulag», ha dichiarato.
Nuova Democrazia [partito di centro-destra] giudica le dichiarazioni di Žižek «agghiaccianti e ripugnanti». I conservatori hanno chiesto a Tsipiras di spiegare perché non c’è stata alcuna reazione da parte sua alle parole del filosofo. Il partito ha aggiunto che «migliaia di persone di origine greca sono state uccise nei gulag».
Syriza ha accusato Nuova Democrazia di aver preso seriamente un commento ironico. «Sembra che la stupidità e l’assurdità non abbiano limiti in Nuova Democrazia», ha dichiarato il partito di sinistra.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.