lunedì 20 luglio 2015

La vacanza intelligente

«Secondo me gli impulsi non sono essenzialmente aggressivi, sono avventurosi. E penso che sia molto, molto importante che possibilità di avventura vengano offerta alla parte della popolazione che ama l’avventura. Bisognerebbe aver la possibilità di arrampicarsi sulle montagne senza che costi troppo. Bisognerebbe poter andare al Polo Nord e al Polo Sud quando se ne ha voglia. La possibilità di vivere un’avventura dovrebbe essere alla portata di quelli che lo desiderano. Le avventure potrebbero essere organizzate dalle autorità. E cioè le autorità dovrebbero renderle possibili, senza ulteriori spese di tempo e di denaro, organizzare imprese veramente avventurose e, se necessario, pericolose, che possano essere gradite ai giovani. Si dovrebbe poter scalare le montagne. E se i viaggi spaziali diventeranno possibili, si dovrebbe potersi godere viaggi spaziali. Cose di questo genere dovrebbero essere alla portata di chi le desidera, e questo servirebbe a incanalare gli impulsi che attualmente in massima parte vanno verso la guerra» 
(Bertrand Russell, Bertrand Russell dice la sua, 1960, tr. it. Longanesi, 1968)

sabato 18 luglio 2015

Serbia violenta



Руке на срце, поздрави Алл Cтарс формациjе,
[Ruke na srtse, pozdravi All Stars formatsije]
(Mani sul cuore, saluti dagli All Stars)

фантомке на главу, могу да отпочну акциjе,
[fantomke na glavu, mogu da otpočnu aktsije]
(passamontagna sul volto, si passa all’azione)

план jе за ноћас да им прећемо границу,
[Plan je za noćas da im prećemo granitsu]
(Il piano di stanotte è passare il confine)

од кућа и села ви им направите кланицу,
[Od kuća i sela vi im napravite klanitsu]
(dalle case ai villaggi, sarà un massacro)

покољите шиптаре,
[Pokoljite šciptare]
(massacreremo gli albanesi)

побите вехабие,
[pobite vekhabije]
(uccideremo i “wahhabi”)

ко се год буни нека се на колац набиjе,
[ko se god buni neka se na kolats nabije]
(chiunque opporrà resistenza verrà impalato)

видим да плачу, кажем било jе доста,
[vidim da plaču, kažem bilo je dosta]
(li ho visti piangere, ora ne abbiamo abbastanza)

и жене и децу све побаћајте са моста,
[i žene i detsu sve pobaćajte sa mosta]
(anche le donne e i bambini finiranno già da un ponte)

нема више праштаjа,
[nema više praštanja]
(non c’è più perdono)

видиш кућу – пали jе!
[vidiš kuću – pali je!]
(quando vedi una casa – dalle fuoco!)

за сваку нашу цркву платиће нам ваше џамиjе,
[za svaku našu tsrkvu, platiće nam vaše džamije]
(per ogni nostra chiesa distruggeremo una vostra moschea)

Калашњиков, бомбе, високо три прста,
[Kalašnjikov, bombe, visoko tri prsta]
(Kalashnikov e bombe, le tre dita alte ben alzate)

нека клекну када виде Исуса са крста,
[neka kleknu kada vide Isusa sa krsta]
(li faremo inginocchiare quando vedranno Cristo sulla croce)

Једна jе била Арканова гарда,
[Jedna je bila Arkanova garda,]
(Una volta c’erano i volontari di Arkan)

стиже Алл Cтарс бригада,
[stiže All Stars brigada,]
(oggi c’è la brigata All Stars)

шиптар нека страда,
[šiptar neka strada]
(una mattanza di albanesi)

звезда на цеви, ракетна брзина,
[Zvezda na tsevi, raketna brzina]
(Una stella sulla canna, la velocità di un razzo)

тенкови на фронту, ознака Алл Старс машина,
[tenkovi na frontu, oznaka All Stars mašina]
(carri armati alle frontiere, questa è la tecnica degli All Stars)

неће више ништа да се заврши без борбе,
[Neće više ništa da se završi bez borbe]
(Mai più si deciderà senza una lotta)

наша је јединица елитна ко кобре,
[naša je jedinitsa elitna ko Kobre]
(La nostra unità è più elitaria dei “Cobra”)

и гледаj сада мали како кева ти jе крвава,
[I gledaj sada mali kako keva ti je krvava]
(Guarda bimbo tua madre ricoperta di sangue)

и запамтите поруку Косово jе Србиjа!
[i zapamtite poruku, Kosovo je Srbija!]
(e ricordati il messaggio, Kosovo è Serbia!)

****

[Ref.:]
Доста jе било хорора, доста jе било терора,
[Dosta je bilo khorora, dosta je bilo terora]
(C’è stato troppo orrore, c’è stato troppo terrore)

нема више праштања, ради оно што се мора,
[nema više praštanja, radi ono što se mora]
(Non c’è più perdono, dobbiamo fare quello che va fatto)

крв са ваших костију, биће опште корисна,
[krv sa vašikh kostiju, biće opšte korisna]
(il sangue dalle vostre ossa, sarà un bene per tutti)

Алл Cтар Србија, клан ултра терориста.
[All Stars Srbija, klan Ultra terorista]
(All Stars Serbia, clan Ultra Terrorista)

****

Рема манијак, брутална тиранија,
[Rema manijak, brutalna tiranija]
(Rema è un maniaco, un brutale tiranno)

права хаварија, нека нестане Албанија!
[prava khavarija, neka nestane Albanija]
(una giusta punizione, morte all’Albania!)

Таманим ја, мртав је мани га, спаљена џамија
[Tamanim ja, mrtav je mani ga, spaljena džamija]
(Sento la fame, chi è morto resta a terra, una moschea è bruciata)

речима ко рафалима по инструменталима,
[rečima ko rafalima po instrumentalima]
(con le parole che lancio sopra una base strumentale)

Живела Србија! За Србију убијам,
[Živela Srbija! Za Srbiju ubijam]
(Viva la Serbia! Ucciderei per la Serbia)

микрофон кидам зубима, речи на поклон другима,
[mikrofon kidam zubima, reči na poklon drughima]
(Mordo il microfono coi denti, regalo le mie parole agli altri)

тако ми срца и крви све ћу да вас смрвим,
[Tako mi srtsa i krvi, sve ću da vas smrvim]
(Questo è il mio cuore e il mio sangue, vi schiaccerò tutti)

предводим јединицу и увек бићу први.
[Predvodim jedinitsu i uvek biću prvi]
(Comanderò la mia unità e sarò primo in tutto)

У цркву на заклетву, па право у борбу,
[u tsrkvu na zakletvu, pa pravo u borbu]
(Il sacro giuramento alla chiesa e il diritto a combattere)

за Косово наше ставиу главу у торбу,
[za Kosovo naše stavicu glavu u torbu]
(per il nostro Kosovo riempirò un sacco di teste)

од ваше крви чорбе, од вашег меса торте,
[od vaše krvi čorbe, od vašeg mesa torte]
(col vostro sangue farò una zuppa, con la vostra carne una torta)

Pема Aлл Старс клан, херој српске сорте,
[Rema All Stars klan, kheroj srpske sorte]
(Rema All Stars clan, un vero eroe serbo)

три прста, три играча, екипа никад jача,
[Tri prsta, tri igrača, ekipa nikad jača]
(tre dita, tre giocatori, la nostra squadra è la più forte)

устани и поздрави хоџиног кољача
[ustani i pozdravi khodžinog koljača]
(In piedi ad onorare gli sgozzatori di imam)

бежи џоџо ливадом, ал jе метак бржи,
[Beži džodžo livadom, al je metak brži]
(Il mussulmano corre per i campi, ma il proiettile è più veloce)

где си пошо џоџо, зар jе дотле дошло,
[gde si poso džodžo, zar je dotle došlo]
(dove va il mussulmano, noi lo seguiremo)

нож ти jе под гркљаном, ош си добро прошо,
[nož ti je pod grkljanom, još si dobro prošo]
(un coltello alla gola, senti come taglia bene)

коначна борба прса у прса,
[Konačna borba, prsa u prsa]
(il combattimento finale è corpo a corpo)

мене води српска застава и снага крста,
[mene vodi srpska zastava i snaga krsta]
(Sono guidato dalla bandiera serba e dalla potenza della croce)

клан ултра терориста има да вас смрска,
[klan Ultra terorista ima da vas smrska]
(Il clan ultra terrorista è in giro per sterminarti)

Aлл Cтарс армиа заувек чврста.
[All Stars armija, zauvek čvrsta]
(L’armata All Star non si arrende mai)

****
[Ref.]
****

Ново стање, ново срање, земља рањена посустаје
[Novo stanje, novo sranje, zemlja ranjena posustaje]
(Tempi nuovi, nuova merda, un paese ferito e abbattuto)

и не може да устане, Србијо на ноге,
[i ne može da ustane, Srbijo na noge!]
(che non può rialzarsi, Serbia in piedi!)

следе битке многе против шиптара и дроге,
[slede bitke mnoge protiv šiptara i droge]
(Dopo molte battaglie contro gli albanesi e la droga)

савремене бабароге америке што гаји дегенерике,
[savremene babaroge Amerike, što gaji degenerike]
(questa barbarie americana che diffonde la degenerazione)

кажи докле да трпим лажи,
[kaži dokle da trpim laži]
(per quanto tempo dovremo ascoltare bugie)

док нам убијају војнике на стражи,
[dok nam ubijaju vojnike na straži]
(quando uccidono i nostri soldati alle frontiere)

за шаку долара о геноциду слажи,
[za šaku dolara, o genotsidu slaži]
(per un pugno di dollari, consentendo un genocidio)

Рађај се Србијо! Живела Србија! Србија Србима!
[Rađaj se Srbijo! Živela Srbija! Srbija Srbima!]
(Rinasci Serbia! Viva la Serbia! La Serbia ai Serbi!)

за све који је воле
[za sve koji je vole]
(Per tutti quelli che la amano)

једна српска суза, хиљаду Албанаца
[jedna srpska suza, khiljadu Albanatsa]
(per ogni singola lacrima serba, un migliaio di albanesi)

спаљена Тирана, Србин гриже kо пирана
[spaljena Tirana, Srbin griže ko pirana]
(Brucia Tirana, i serbi mordono come piranha)

битка за Косово до судњега дана,
[bitka za Kosovo do sudnjega dana]
(Combatteremo per il Kosovo fino al giorno del giudizio)

са мегдана уздигнуте главе,
[sa megdana uzdignute glave]
(teste alte nell’arena)

тробојке се дижу
[trobojke se dižu]
(i tricolori sventolano)

и победу славе,
[i pobedu slave]
(per la gloria della vittoria)

никад виже инклаве, никад више пораз,
[nikad viže enclave, nikad više poraz]
(Mai più enclavi, mai più sconfitte)

Србија jе Косово, за част и образ,
[Srbija je Kosovo, za čast i obraz]
(Serbia è Kosovo, per la nostra dignità e l’onore)

туђе нећу, своје не дам ја,
[tuđe neću, svoje ne dam ja]
(mai più stranieri, non vi darò quel che è mio)

док кроз нишан гледам ваш
[dok kroz nišan gledam vaš]
(ti guardo attraverso il mirino)

сата-та-та-ра, земља вековима стара
[sata-ta-ta-ra, zemlja vekovima stara]
(ratatata, la nostra terra ha secoli di storia)

с вером у Бога србе спашава слога
[s verom u Boga, Srbe spašava sloga]
(con la fede in Dio, l’unità salverà i Serbi)

имамо културу, jезик нам jе богат,
[imamo kulturu, jezik nam je bogat]
(Abbiamo una cultura, la nostra lingua è ricca)

да би скинули ђану, јебали сте коже,
[da bi skinuli đanu, jebali ste kože]
(per perdere la verginità, voi vi accoppiate con le capre)

силовали сестре, све у име лозе,
[silovali sestre, sve u ime loze]
(stuprate le vostre sorelle per conservare la razza)

има да ваc нема, одвратна створења
[Ima da vas nema, odvratna stvorenja]
(vi spazzeremo via, creature disgustose)

за будућност Србије и њених поколења
[za budućnost Srbije i njenikh pokolenja]
(per il futuro della Serbia e le prossime generazioni)

****
[Ref.]
****

[note: “Рема” (Rema) dovrebbe essere il diminutivo di Marko, il nome di uno dei rapper; “Џоџо” (džodžo) credo sia la storpiatura di хоџа (hodža), con cui si indica generalmente un imam, le tre dita alzate si riferiscono ovviamente al saluto serbo]

giovedì 16 luglio 2015

Camille Paglia (explicit content)

«L’Occidente molle e relativista si sta trasformando nella Roma imperiale e, come allora, rischia di essere sopraffatto dall’assalto di fanatici che lo vogliono distruggere. I fondamentalisti di Al Qaeda sono gli unni e i vandali che premono alla periferia dell’impero e non impiegheranno molto prima di paralizzare la sua rete elettrica, disintegrando la nostra cultura. Quando ciò accadrà non saranno i nostri politici laureati ad Harvard a difenderci ma gli uomini veri: camionisti, muratori e cacciatori, come i miei zii. Per fortuna, la maggioranza.
[…] Io [difendo] il testosterone, perché sono stanca di vederlo demonizzato come la fonte di ogni male. […] Donne ossessionate da diete e ginnastica, circondate da uomini addomesticati che hanno imparato a comportarsi secondo il canone femminista. Non è un caso se non ci sono mai stati tanti uomini gay come oggi.
[…] L’avvocatessa o la dirigente bianca laureata a Yale e Harvard […] non ha più nulla di femminile e vive in totale controllo di tutto, ma senza gioia e piacere. E spesso anche senza uomini, perché molti di loro rifiutano di essere burattini. È un fenomeno globale che spiega il successo planetario di Sex and the City. Perché se è vero che alla nascita siamo tutti bisessuali, in questa cultura è molto meglio essere gay.
[…] Picchiare, commettere abusi o uccidere una moglie o la fidanzata è legato alla dipendenza dalla figura materna di uomini rimasti bambini. Dietro ogni assassinio c’è un simbolo, l’ombra nascosta di un trauma infantile che solo la psicoanalisi può far riemergere. Ma è anche colpa delle donne italiane ingenue, che rifiutano di leggere tutti i segnali che precedono la violenza. E anche la crisi della famiglia contribuisce al femminicidio. Un tempo, se toccavi una donna italiana, sapevi che il padre o il fratello sarebbero venuti a cercarti per regolare i conti».
(Camille Paglia, Ci salveranno i camionisti, Intervista a “La Lettura”, 3 novembre 2013)
«Rivendico la differenza di ruolo. Che società è quella in cui l’uomo non si distingue dalla donna per quello che fa? Prima la donna aveva la sua comunità, i suoi riti quotidiani che erano riti collettivi. Era sostenuta dalle altre donne al momento del parto. Oggi, durante le doglie, se è fortunata, ha un marito che va a vedere cosa bisogna fare sul web
[…] Qualcuno mi deve spiegare cosa ci sia di sensato nel protestare a seno nudo. Lo trovo ridicolo. Le Femen dimostrano di non avere il senso del valore del proprio corpo. La loro non è una celebrazione delle forme femminili. Mi sembra una carnevalata illogica. Anche le Pussy Riot mi lasciano perplessa. Hanno coraggio nell’attivare forme di protesta in Russia. Ma poi i loro metodi – mi riferisco all’invasione della chiesa ortodossa, per esempio – denunciano una certa confusione nei modelli di riferimento. Credo che con forme meno spettacolari di protesta potrebbero ottenere un riconoscimento e un risultato anche maggiori»
(Id., intervista a “Repubblica”, 15 marzo 2014)

Montenegrina

Canzone dedicata a Nicola I del Montenegro (1841–1921) composta nel 1989 per celebrare il ritorno delle spoglie del Re e della regina Milena alla città di Cettigne, antica capitale del Regno del Montenegro.


Ljubo Ševaljević
“Dobro doša Gospodare”

Пробуди се Црна Горо
[Probudi se Tsrna Goro]
(Svegliati Montenegro)

и на ноге своје скочи
[i na noge svoje skoči]
(e alzati in piedi)

да поздравић како ваља
[da pozdravić kako valja]
(per salutare onorabilmente)

некадашњег твога Краља
[nekadašnjeg tvoga Kralja]
(il tuo antico Re)

*Ref.*
Из туђине, из далека
[Iz tuđine, iz daleka]
(Dalla terra straniera, da lontano)

ђе почива још одавно
[đe počiva još odavno]
(dove ha riposato a lungo)

добро доша Господаре
[dobro doša Gospodare]
(Bentornato Signore)

на Цетиње твоје славно
[na Tsetinje tvoje slavo]
(alla tua gloriosa Cetinje)
*

Нек загуде Црна Горо
[Nek zagude Tsrna Goro]
(Fate risuonare per il Montenegro)

на гуслама танке жице
[na guslama tanke žitse]
(la corda sottile della gusla)

куда прођу сјене драге
[kuda prođu sjene drage]
(dove vanno le care ombre)

нашег Краља и Краљице
[našeg Kralja i Kraljitse]
(dei nostri Re e Regina)

*ref.*

Угасите врате живе
[Ugasite vrate žive]
(Spegnete le candele)

и звијезде што су сјале
[i zvijezde što su sjale]
(e le stelle che brillano)

Краљ Никола нека спава
[Kralj Nikola neka spava]
(Fate riposare Re Nicola)

на крш своје земље мале
[na krš svoje zemlje male]
(al centro del suo piccolo Paese)

Lacrime serbe


Деца су чекали
[Detsa su čekali]
(I bambini stavano aspettando)

па зараде
[pa zarade]
(il ritorno)

пролећних птица
[prolećnih ptitsa]
(degli uccelli primaverili)

југу но смиера
[jugu no smiera]
(dal Sud)

А никада нису
[A nikada nisu]
(Ma non sono mai stati)

стил влада схвате
[stil vlada shvate]
(in grado di capire)

зашто доће са севера
[zašto doće sa severa]
(cosa stava arrivando dal Nord)

***

(ref.)
Бомбе у снове
[Bombe u snove]
(Bombe sui sogni)

нада и деца
[nada i detsa]
(sulle speranze e sui bambini)

и деца су заувек остала деца
[i detsa su zauvek ostala detsa]
(e i bambini restano per sempre bambini)

***

мртав су купатиу u води Сава
[mrtav su kupatiu u vodi Sava]
(I morti facevano il bagno nella Sava)

Дечје игра почео и престале
[Dečje igra počeo i prestale]
(giochi di bambini appena iniziati e già finiti)

А једне су очи
[A jedne su oči]
(Gli occhi di qualcuno)

почео плакале
[počeo plakale]
(iniziano a piangere)

очински над њима се плакале
[očinski nad njima se plakale]
(sono gli occhi di un padre che piangono)

mercoledì 15 luglio 2015

Čujte bando islamska...


У Босанској Крајини подно Козаре
[U Bosanskoj Krajini podno Kozare]
(Nella Krajina bosniaca, ai piedi del Kozara)

подиго се Cрпски народ брани домове
[podigo se Srpski narod brani domove]
(Il popolo serbo insorge per difendere le proprie case)

*ref.*
Чујте бандо исламска – муџахедини
[Čujte bando islamska – mudžakhedini]
(Ascoltate bande islamiche – “mujahedin”)

стићи ће вас наша рука и у Анкари
[stići će vas naša ruka i u Ankari]
(La nostra mano vi raggiungerà fino ad Ankara)
*

Гинућемо за слободу сви до једног ми
[Ghinućemo za slobodu svi do jednog mi]
(Ognuno di noi vuol morire per la libertà)

никад наши синови неће бити робови
[nikad naši sinovi neće biti robovi]
(I nostri figli non saranno mai schiavi)

*ref.*

Из њемачки престонице швабе нама прете
[Iz njemački prestonitse švabe nama prete]
(Dalla capitale tedesca i crucchi ci minacciano)

Крајишници поручују – дођите ако смете
[Krajišnitsi poručuju – doćite ako smete]
(Gli uomini della Krajina rispondono – provate a raggiungerci)

*ref.*

Еј господо из Европе и из целог свијета
[Ej gospodo iz Evrope i iz tselog svijeta]
(Ehi signori dell’Europa e del mondo intero)

зашто вама Српски народ зa толико смета?
[zašto vama Srpski narod za toliko smeta?]
(Perché il popolo serbo vi dà così fastidio?)


Oni su…


Ово нимало није политички коректно
[Ovo nimalo nije politički korektno]
Questo non è politicamente corretto

ни лево ни десно већ право у месо
[ni levo ni desno već pravo u meso]
né a destra né a sinistra ma dritto al punto

песнајом у вугла да остану без зуба
[pesnajom u vugla da ostanu bez zuba]
con un colpo in faccia così resteranno senza denti

да фрфљају у скупштини кад расправља се устав
[da frfljaju u skupshtini kad raspravlja se ustav]
quando farfuglieranno di “istituzione” in assemblea

Ово је буна против дахија
[Ovo je buna protiv dakhija]
È una ribellione contro i potenti

ово је кидање букагија
[ovo je kidanje bukagija]
È una catena che si spezza

над овим немате контролу
[nad ovim nemate kontrolu]
Non puoi aver nessun controllo

то је масовна реакција
[to je masovna reaktsija]
è una reazione di massa

Брзо буди премијера
[Brzo budi premijera]
Svegliati, Presidente

чујем звецкају лисице
[čujem zvetskaju lisitse]
sento il tintinnio delle manette

построј ми све министре
[postroj mi sve ministre]
Raduna tutti i ministri

кључеве од ризнице
[kljuceve od riznice]
e le chiavi del tesoro

Ајмо, рапорт за народ да чујем ко је крао
[Ajmo, raport za narod da čujem ko je krao]
Ehi, messaggio alla nazione per sapere chi ha rubato

сјеб’о нам животе а није одговар’о
[sjeb’o nam živote a nije odgovar’o]
ci ha fottuto la vita e non è finito in tribunale

сад сте се ушемили па нема реваншизма
[sad ste se ushemili pa nema revanshizma]
Ora si è ritirato, non bisogna vendicarsi

то је кодекс лопова нико неће да призна
[to je kodeks lopova niko neće da prizna]
è un comportamento da ladri, nessun vuole ammetterlo

А људи слабо памте то је овде главни проблем
[A ljudi slabo pamte to je ovde glavni problem]
La gente dimentica tutto, questo è il problema principale

ко те јеб’о годинама јебаће те опет
[ko te jeb’o godinama jebaće te opet]
chi vi ha fottuto per anni, vi fotte ancora adesso

ал’ запитај се, докле какав си то човек
[al’ zapitaj se, dokle kakav si to čovek]
Ma domanda a te stesso, cosa sei diventato?

понизан и плашљив живис без слободе
[ponizan i plashljiv živis bez slobode]
sottomesso e spaventato, hai paura della libertà

Довољне су мрвице да одрекнеш се борбе
[Dovoljne su mrvice da odreknesh se borbe]
Per rinunciare alla lotta vi siete accontentati delle briciole

јајаре, фуњаре заразна болест
[jajare, funjare zarazna bolest]
Coglioni, siete una malattia infettiva

продали би кеву да у томе виде корист
[prodali bi kevu da u tome vide korist]
per qualche soldo venderebbero le loro madri

плаћамо рацуне на којим је ваш потпис
[plaćamo ratsune na kojim je vas potpis]
paghiamo il conto per quello che loro hanno firmato

Не треба ми БИА да ми казе да сам поштен
[Ne treba mi BIA da mi kaze da sam posten]
Non ho bisogno dei servizi segreti per sapere che sono onesto

нити радикали да ли Србин сам уопште
[niti radikali da li Srbin sam uopste]
né dei radicali per sapere che sono Serbo

не треба демагог да ме с говорнице зове
[ne treba demagog da me s govornitse zove]
non c’è bisogno di demagoghi che predicano dal pulpito

да борим се за боље ми знамо што смо овде
[da borim se za bolje mi znamo shto smo ovde]
Noi combattiamo per migliorare le cose

****
Ref.
Они су систем, инструкција
[Oni su sistem, instruktsija]
Essi sono il sistema, l’istruzione

догма, корупција, терор институција, репресија убија
[dogma, koruptsija, teror institutsija, represija ubija]
il dogma, la corruzione, il terrore istituzionale, la repressione assassina

мафија, мурија, држава, хајдучија
[mafija, murija, država, hajdučija]
la mafia, gli sbirri, lo stato, i briganti

кадија, судија, а ми смо револуција
[kadija, sudija, a mi smo revolutsija]
i giudici, i controlli – e noi siamo la rivoluzione

Они су систем, инструкција
[Oni su sistem, instruktsija]
Essi sono il sistema, l’istruzione

догма, корупција, терор институција, репресија убија
[dogma, korupstija, teror institutsija, represija ubija]
il dogma, la corruzione, il terrore istituzionale, la repressione assassina

мафија, мурија, држава, хајдучија
[mafija, murija, država, hajdučija]
la mafia, gli sbirri, lo stato, i briganti

а ми смо револуција то није наша Србија
[a mi smo revolutsija to nije nasa Srbija]
Noi siamo la rivoluzione – questa non è la Serbia
****

Зајеби дијалог, не преговарам с багром
[Zajebi dijalog, ne pregovaram s bagrom]
Fanculo al dialogo, non tratto con la feccia

ви лажете к’о стока ено штала вам је тамо
[vi lažete k’o stoka eno shtala vam je tamo]
Siete come un gregge, ecco la vostra stalla

страначки војници боље палите у заклон
[stranački vojnici bolje palite u zaklon]
le truppe da partito vadano a nascondersi

закључаћемо град док не очистимо талог
[zaključaćemo grad dok ne ocistimo talog]
blinderemo la città per non pulire la vostra sporcizia

И нек буде јасно сваком
[I nek bude jasno svakom]
E sia chiaro per tutti

с посланичком платом
[s poslaničkom platom]
che gli stipendi dei politici

ко настави по старом
[ko nastavi po starom]
di chi non vuole cambiare

платиће нам главом
[platiće nam glavom]
saranno pagati con la testa

Патриоте пред изборе
[Patriote pred izbore]
Tutti patrioti prima delle elezioni

сто пут су нас издале
[sto put su nas izdale]
ci hanno tradito centinaia di volte

слали нас у ратове
[slali nas u ratove]
ci hanno mandati in guerra

за свој лични интерес
[za svoj lični interes]
per il loro interesse personale

Док иконе су певале мајке су нарицале
[Dok ikone su pevale majke su naritsale]
Mentre le icone cantavano e le madri piangevano

на крвавим парама институције су ницале
[na krvavim parama institutsije su nitsale]
sul sangue e i soldi hanno fondato le istituzioni

реалност све је скупља а гудра све јефтинија
[realnost sve je skuplja a gudra sve jeftinija]
ma la realtà è cara, mentre con le menzogne si risparmia

жуто као стампа којом управља полиција
[žuto kao stampa kojom upravlja politsija]
giallo come il nastro che usa la polizia

Црно-бела Србија неслога је убија
[Tsrno-bela Srbija nesloga je ubija]
Serbia in bianco e nero, la discordia la uccide

на путу ка Европи у говнима завршила
[na putu ka Evropi u govnima zavrshila]
Sulla strada per l’Europa finiremo nella merda

зар бомбом да кажем
[zar bombom da kažem]
Dovremmo dire con una bomba

да та прича нам се смучила?
[da ta priča nam se smucila?]
che questa storia ci ha stancati?

на седнице да упадам и таоце да узимам?
[na sednice da upadam i taotse da uzimam?]
Dovremmo irrompere in parlamento e fare ostaggi?

Зар вас историја наша није баш ниста научила
[Zar vas istorija nasa nije bas nista naučila]
La nostra storia non vi ha insegnato nulla

сами смо себи попут највећих душмана
[sami smo sebi poput najvećikh dushmana]
Siamo noi stessi il nostro più grande nemico

ово је отворена порука свим најгорим њушкама
[ovo je otvorena poruka svim najgorim njuskama]
questo è un messaggio per tutti voi ficcanaso

за сва ваша дела пресудиће вам улица
[za sva vasa dela presudiće vam ulitsa]
tutte le vostre azioni saranno giudicate dalla strada

****
Ref.
****

У аманет свима да не понови се никад
[U amanet svima da ne ponovi se nikad]
Per volontà di tutti, non accada di nuovo

генерације да пате за добробит режима
[generatsije da pate za dobrobit režima]
che una generazione soffra per amore di una dittatura

запамтите заувек сви заједно к’о један
[zapamtite zauvek svi zajedno k’o jedan]
Ricordiamo tutti come un’unica persona

само здрави у глави против система
[samo zdravi u glavi protiv sistema]
una mente sana contro il sistema

****
Ref.
****

sabato 11 luglio 2015

La castorina di Sartre


L’animale domestico più amato da Jean-Paul Sartre fu “Simone de Beauvoir”, uno splendido esemplare di donna-castoro, che lui chiamava appunto le Castor (per l’assonanza del nome della specie “de Beauvoir” con l’inglese beaver).
“Simone” era la tipica donna-castoro specializzata in racconti per bimbe-castoro. Una delle favole più belle che amava raccontare era intitolata Donna non si nasce, si diventa.
In genere le protagoniste delle sue fiabe erano altre donne-castoro che cercavano l’emancipazione dal dominio maschile. Secondo “Simone de Beauvoir”, le donne-castoro del passato, attraverso le loro scelte esistenziali, si erano rese complici della loro stessa sudditanza.
La subordinazione della donna-castoro al maschio non era una questione di biologia, ma un equivoco teorico, che alla fine della favola veniva risolto dal Principe Esistenzialista.

Un giorno Sartre vide questo pregiato esemplare di donna-castoro scorrazzare per i dintorni della Sorbona. La catturò e se la mise in casa. Da quel momento, “Simone” finalmente capì che l’anatomia non è un’opinione, ma un destino.
La castorina fu docile amante, e moglie, e cuoca, ed infermiera del filosofo.
Sartre l’aveva fatta addestrare per potersi comodamente godere le altre donne-castoro (negli anni ’50 arrivò a possederne nove esemplari per volta). Nei suoi Taccuini di guerra, scriveva di voler «conquistare una donna nel senso di catturare un animale selvaggio, ma solo allo scopo di elevarla dal suo stato selvaggio alla parità con l’uomo».

La donna-castoro si ridusse al ruolo di mezzana per il bene del suo caro compagno. Alcune volte, era lei stessa a portare “carne fresca” al coniuge, come quando introdusse Sartre a una delle sue allieve, Olga Kosakiewicz: il filosofo si trovò talmente a suo agio, che decise di provare anche Wanda, la sorella dell’educanda.
“Simone” non si perse mai d’animo: su uno dei suoi libri di fiabe annotava che «non avrei abbandonato [ad Olga] il posto sovrano che io occupavo, al centro dell’universo».
Per la donna-castoro, il padrone era tutto: ne parla continuamente nelle sue memorie, fino allo sfinimento. Al contrario di Sartre, che non accennava mai al dolce animale domestico, nemmeno nei Cahiers.

A giustificazione della imbarazzante passività di “Simone”, dobbiamo però ricordare che Sartre fu un uomo molto affascinante, di una bellezza tutta particolare. Così lo ricorda il regista John Huston nella sua autobiografia (An open book, New York, 1980):
«Un barilotto d’uomo, brutto come il peccato: la faccia gonfia e butterata, i denti giallastri, gli occhi strabici. […] Non sapeva cosa volesse dire conversare. Parlava senza smettere. Impossibile interromperlo. Uno aspettava che si fermasse a prendere fiato: e invece no. Le parole gli sgorgavano dalla bocca come un torrente ininterrotto. […] Si fermava soltanto per annottare le sue stesse frasi».
Per di più, la donna-castoro seppe anche farsi valere come “castorina emancipata”: di fronte alle centinaia di amanti di Sartre, anche lei si regalò un paio di scappatelle.
Quando “Simone” descrisse ne I mandarini il tentativo di seduzione messo in atto da Arthur Koestler, il suo caro compagno le rise in faccia. Quando invece la castora riprodusse le lettere del suo unico vero amante, lo scrittore americano Nelson Algren, quest’ultimo la prese malissimo, e nella sua ultima intervista disse:
«Al diavolo, le lettere d’amore dovrebbero essere una faccenda privata. Sono stato nei bordelli di tutto il mondo, e le donne chiudono sempre la porta, in Corea come in India e altrove. Ma in questo caso è come se lei avesse convocato in camera da letto pubblico e stampa al gran completo».
(Dopo lo sfogo, Algren fu colpito da infarto e morì quella notte stessa).

In fondo, Le Castor aveva sempre sognato un destino così:
«La coppia è un’unita fondamentale le cui metà sono connesse indissolubilmente l’una all’altra. […] Ecco ciò che essenzialmente definisce la donna: essa è l’Altro nel seno di una totalità, i cui due termini sono indispensabili l’uno all’altro». (Il secondo sesso [1949], tr. it. R. Cantini e M. Andreose, Milano, il Saggiatore, 2002, p. 19).
E allora, perché tanto baccano, nonostante avesse ottenuto il posto a cui anelava? Il fatto è che “Simone” teneva ancora al suo ruolo di narrastorie, il che la obbligava a chiosare imbarazzata  che «liberare la donna significa rifiutare di chiuderla nei rapporti che ha con l’uomo, ma non negare tali rapporti».
Alla  fine, tuttavia, anch’ella seppe riconoscere la propria essenza, pur utilizzando il vecchio trucco della “proiezione” dei propri difetti sugli altri:
«Le grandi borghesi, le aristocratiche, hanno sempre difeso i loro interessi di classe con più ostinazione ancora dei loro mariti: non esitano a sacrificare loro radicalmente la propria autonomia di essere umani; soffocano in se stesse ogni pensiero, ogni giudizio critico, ogni slancio spontaneo; ripetono da pappagalli le opinioni ammesse; si confondono con l’ideale che il codice maschile impone loro; nel cuore, sul loro volto stesso è morta ogni sincerità. […] Il finanziere, l’industriale, talora anche il generale, assumono compiti faticosi, preoccupazioni, rischi; acquistano i loro privilegi con un ingiusto mercato, ma per lo meno pagano di persona; le loro spose in cambio di tutto ciò che ricevono non danno niente, non fanno niente; e credono con una fede tanto più cieca nei loro imprescrittibili diritti. La loro vana arroganza, la loro radicale incapacità, la loro ostinata ignoranza, ne fanno gli essere più inutili, più nulli che abbia mai prodotto la specie umana» (Il secondo sesso, pp. 720-21).
Ed ecco come la castorina finì impagliata…

mercoledì 8 luglio 2015

Il principio mascolino

Prigionieri di guerra austriaci in attesa di fare il bagno
«Nei miei vagabondaggi tra Belle Époque e 1914, ho trovato questo, nel paragone con gli anni più recenti: la scomparsa, nei Paesi (non ci sono più le patrie) più ricchi e progrediti, della forza maschile. Si stenta a ritrovarla perché non la si è mai pensata: c’era e nessuno ci badava, non c’è più e nessuno ne ha nostalgia. Ma la tradizione cinese insegna che la perdita di Yang, il principio mascolino, è tanto fatale a un mondo quanto la perdita di Yin, l’ewig weibliche, il principio femminile. La guerra del Quattordici è stata, per la mascolinità archetipica espressa nel concreto umano, spremendo tutto il possibile della realtà uomo nel fiore degli anni, una mostruosa macchina distruggitrice. Nel contempo ne è stata il trionfo, l’apoteosi, la sommità attraverso la servitù, l’avvilimento continuo militare. […] Perdura, nell’inconscio collettivo, il lutto per la mascolinità perduta, nello strazio dei corpi e negli eccidi di anime viventi, che non furono dei Dna di laboratorio» 
(Guido Ceronetti, Un secolo nella morsa delle tigri di fango, “Corriere della Sera”, 27 marzo 2014)

martedì 7 luglio 2015

La guerra che ha cantato

«L’ultima guerra che ha cantato è stata la Civile di Spagna. Ma il reimbarco americano dal Vietnam è muto; le guerre balcaniche di fine secolo sono mute». Così Guido Guido Ceronetti sul Corriere (Un secolo nella morsa delle tigri di fango, “Corriere”, 27 marzo 2014). In realtà è vero il contrario: non solo per il Vietnam (un migliaio di pezzi proprio a favore del reimbarco!), ma soprattutto per le guerre balcaniche, che hanno “cantato” eccome, tanto da far venire il sospetto che se non ci fossero state tutte quelle canzoni forse non sarebbero nemmeno scoppiate.

Ogni gruppo etnico ha prodotto infatti i propri inni, attingendo dal peggio della musica tradizionale e contemporanea: esiste un repertorio sconfinato che va dall’hard rock al turbofolk, dal rap ai canti  con la gusle, dal nashid al reggae. Negli ultimi anni su Youtube c’è stata una vera e propria invasione di questi pezzi: per esempio, una canzonetta del 1992 che celebra le gesta di Radovan Karadžić ai tempi della Republika Srpska si è meritata addirittura un posto d’onore su Know Your Meme. Ne è nato anche un dibattito infinito su chi siano il cantante sdentato e il soldato con la fisarmonica: quest’ultimo a quanto pare sarebbe Novislav Đajić, un criminale di guerra (o eroe serbo, a seconda dei gusti) che sta scontando la sua condanna in Germania. Ora internet lo conosce come Dat Face Soldier e la sua espressione ha ispirato decine di video. La canzone di guerra balcanica è ormai a tutti gli effetti un genere a se stante.
Qui di seguito una traduzione del pezzo con traslitterazione:

sabato 4 luglio 2015

Žižek sostiene Tsipras…

Il filosofo sloveno Žižek propone i gulag per chi non appoggia Syriza
Il filosofo sloveno Slavoj Žižek è al centro delle polemiche in Grecia per aver affermato di voler mandare nei gulag gli oppositori di Syriza.
Žižek ha incontrato il leader di Syriza Alexis Tsipras la scorsa settimana [maggio 2013] in Croazia, durante la partecipazione al “Festival dei sovversivi”. Tsipras ha anche fatto conoscenza col regista statunitense Oliver Stone.
Nel corso di una tavola rotonda con Tsipras, Žižek ha espresso apprezzamenti per Syriza. L’accademico era già comparso accanto a Tsipras ad Atene prima delle elezioni nazionali della scorsa estate.
«Syriza è una delle luci che brillano in Europa», ha detto Žižek al pubblico di Zagabria
Tuttavia, è stato uno dei suoi commenti su coloro che non supportano Syriza che ha attirato le critiche quando il video ha iniziato a circolare sui social media.
«Se non sostengono Syriza allora, nella mia visione di un futuro democratico, tutte queste persone avranno da me un biglietto di sola andata in prima classe per il gulag», ha dichiarato.
Nuova Democrazia [partito di centro-destra] giudica le dichiarazioni di Žižek «agghiaccianti e ripugnanti». I conservatori hanno chiesto a Tsipiras di spiegare perché non c’è stata alcuna reazione da parte sua alle parole del filosofo. Il partito ha aggiunto che «migliaia di persone di origine greca sono state uccise nei gulag».
Syriza ha accusato Nuova Democrazia di aver preso seriamente un commento ironico. «Sembra che la stupidità e l’assurdità non abbiano limiti in Nuova Democrazia», ha dichiarato il partito di sinistra.

An essay on american culture

Oggi nun è er fort of giulai? Ahò annamo a Starbuckse e famose un caffè, ce sta pure er waifai.. eh, nun ce sta ancora Starbuckse in Italia, nun ce vengono perché noi c’avemo er baretto de Maurizio Battista a la Piramide! Allora nnamo tutti ar Walmarte a piglia’ du’ burritos… Manco quello ce sta? Dice che noi se dovemo magnà sempre l’olive greche de Mario Brega.

Mia moglie l’altra sera è sortita a cercà Jimmy Hoffa, è tornata alle tre de notte… m’ha detto che se le faccio storie annamo dritti da Oprah e me sputtana in diretta. Allora io ar Bar Mitzav de su’ nipote (’na vorta se chiamava “Communione”) nun ce vado, e me sarto pure a’ cena der Columubs Dei. Quella se crede che so’ bbono come Mister Rogers, invece so’ cattivo come Devid Letterman!

E mi figlia vole che pe’ er “ballo della purezza” le regalo tutti gli atti der processo a Oggei Simpson: ahò, signor giudice, posso appellarme al primo emendamento pe’ di’ che mi figlia è ’na mignotta? Pensa che me so trovato er tesoro de Oliver North in cantina, ’ndo le trovo le piotte pe’ fotocopiammeli?

Che stavo a di’? Ah sì, buon Mardin Luder Kinghe dei, nun zo che c’avemo da festeggià, che ce semo tutti rincojoniti co ’sti telefilme amerecani acca-ventiquattro. Ma quante me piacerebbe sapè perché tu, traduttore italiano, quanno che uno dice “Ahò annamo da starbuckse” non traduci “famose un caffè”?
Aldo Grasso sta a’ parlà ancora der «costante lavorìo […] che li traduce e li adatta in base alle necessità del nuovo contesto nazionale»… ma si questi traduceno pure “tired and emotional” co’ “stanco ed emozionato” quando invece se sa che è n’eufemismo pe’ ubriaco. A’ ’gnoranti, e invece de “Wallmart” traduceteme “supermercato”, e invece de “Starbuckse” mettetece “caffetteria o baretto”. Mo’ me faccio la Elle sulla fronte pe’ dirte che sei un perdente, a’ luser!!!

Pecché n’italiano doverebbe interessasse alla sottocurtura yankee? Noi nun ce li avemo i canali USA, ’sta qua nun è cultura popolare, è popular culture, co’ tutta la bbona volontà ma che ne fotte a noi de ’sta moretta de Oprah?

venerdì 3 luglio 2015

Tsrni Bombarder


Roki Vulović
“Tsrni Bombarder”

Да ли је то истина или се само шалиш
[Da li je to istina ili se samo šališ]
(È la verità oppure è solo uno scherzo)

Na Балкану хоћеш ватру да запалиш
[Na Balkanu hoćes vatru da zapališ]
(Volete accendere un fuoco nei Balcani)

*ref.*
Пријатељу стари из прошлога рата
[Prijatelju stari iz prošloga rata]
(Vecchi amici della guerra passata)

Ставићеш и себи омчу око врата
[Stavićes i sebi omču oko vrata]
(Vi state mettendo il cappio al collo)

Са Србима не смије инат да се тера
[Sa Srbima ne smije inat da se tera]
(Non attaccate i coraggiosi serbi)

Изгубићеш јато црни бомбардера
[Izgubićeš jato tsrni bombardera]
(o perderete uno stormo di bombardieri neri)
*

Храбра је и лијепа моја земља мала
[Hrabra je i lijepa moja zemlja mala]
(Coraggiosa e bella è la mia piccola patria)

Вијековима понос ником није дала
[Vijekovima ponos nikom nije dala]
(per secoli non ha mai abbandonato il suo orgoglio)

*ref.*

То што мислиш другоме пожели и себи
[To što misliš drugome poželi i sebi]
(Augurate agli altri quello che augurate a voi stessi)

Да те клетва судбине никад стигла не би
[Da te kletva sudbine nikad stigla ne bi]
(che non giunga mai il vostro destino segnato)

Generazione del Vaffanculo

«Ma che cazzo, ma che cazzo, ripete il tradizionale giovane moderno in tv. Ed è verissimo che i conflitti generazionali si ripetono graffianti e devastanti e monotoni da che mondo è mondo e da che cazzo è cazzo. Normalmente, fisiologicamente, le generazioni più recenti devono affermare le proprie culture e i propri valori con vis polemica e argomenti coetanei contro i più anziani che approvano solo i propri epigoni oppure divorano ogni novità. Infatti le grandi avanguardie del Novecento duravano pochissimi anni, poi si passava alle successive. E non solo Caravaggio e Mozart e Leopardi e Van Gogh e Kafka a meno di quarant’anni avevano già detto e fatto tutto. Anche certi famosi longevi erano già Tiziano e D’Annunzio e Picasso, a meno di trent’anni. Non davvero “ragazzi quarantenni” in casa con la mamma che fa da mangiare, e alla vigilia di un “come eravamo” di cinquantenni sentimentali e senili, senza mai l’intermezzo di un’età adulta creativa o imprenditoriale o responsabile o socialmente utile (magari nell’informatica americana o nei mercati finanziari inglesi o nella moda multinazionale o nelle industrie asiatiche).
Non si esisteva unicamente come gruppi e cortei e categorie in attesa di provvidenze collettive e in contemplazione degli idoli: i cantautori patetici e i comici impegnati, esperienze spirituali “decisive” come le opere di Cilea e Giordano o le melodie di Rabagliati per certi vecchietti. Né ci si abbandonava, dopo un paio d’anni di stroncature e vignette umoristiche, a una lunga carriera di sentimentalismi piccolo-borghesi autoreferenziali e moralistici, gemendosi e commemorandosi addosso dentro l’ufficialità pietosa e comoda dei media. Nemmeno ci si arrestava, nello sviluppo generazionale e culturale, alle fasi datate e bloccate: tipo quarant’anni di varianti minime entro il rock (come nelle culture bizantine e cinesi più immobili); e con abbigliamenti rock immutabili, mentre perfino le chiese e gli eserciti mutano il look. O tipo un quarto di secolo di spray stradali e ferroviari, quando i graffitisti di New York morti di Aids vengono ormai commemorati nelle retrospettive delle fondazioni.
Ora, forse, l’Edipo si porta meno, perché molti genitori continuano a ripetere “ma sono bambini!” giustificando qualsiasi esigenza, concessione, vandalismo, vaffanculo. (Ma chi spiegherà “correttamente” perché mai tanti bambini italiani e cristiani si riempiono di droghe, e i loro coetanei musulmani, anche spacciatori, invece no? E come mai tante autorità religiose accanite su tabù sessuali e alimentari e culturali che non fanno male a nessuno, invece non si attivano contro quelle sostanze mortali che provocano le famose stragi del sabato sera?…). Intanto, però, forse per la prima volta, la vecchia generazione non è più affatto austera, severa, dabbene, perbene. Vive di provocazioni e trasgressioni praticamente dalla nascita. La sua parole più frequente e automatica è sempre stata «vaffanculo». Ecco allora perché questa la sua risposta standard al “ma che cazzo” dei nuovi giovani Edipi di massa?»  
(Alberto Arbasino, Paesaggi italiani con zombi, Adelphi, Milano, 1998, pp. 395-96)

giovedì 2 luglio 2015

L’utopia mancata delle città-dormitorio

[Un articolo risalente ai tempi delle sollevazioni nelle banlieues parigine.]

L’utopia mancata delle città-dormitorio
(Grégoire Allix, L’utopie manquée del cités-dortoirs, “Le Monde”, 6 dicembre 2005)

Colpevoli, complici, innocenti? Gli architetti sono sovente chiamati in causa dalla critica dei grandi agglomerati, rilanciata dalle violenze urbane di queste ultime settimane. Il capo d'imputazione: aver dato luogo ad una cornice di vita oggi rigettata e degradata, senza che si possa capire se l’oggetto del delitto stia nel materiale (il “cemento criminogeno”) o nella forma (“le mura e le torri disumane”).
Il loro breviario: la Carta di Atene, elaborata nel 1933 al Congresso internazionale di architettura moderna e pubblicata nel 1943 da Le Corbusier. I suoi grandi principi: costruire lontano delle antiche città radiose fatte di “macchine per abitare” tra sbarre e torri distanziate e soleggiate, circondate dalla natura, collegate da autostrade a quartieri dedicati al lavoro e altri al tempo libero. Questo modello formale utopico, certamente, è il primo atto d’accusa, per la sua negazione di una città modellata sulle sue vie e piazze che legano abitazioni, uffici e negozi. «Invece di concepire città portatrici di una continuità, i grandi agglomerati creano un evento ideale dove lo spazio è generato dall’ampliamento di cellule», denuncia dopo tanto tempo l’architetto Roland Castro, animatore del gruppo “Banlieue 89” durante gli anni ‘80. «Gli edifici non hanno alcuna relazione con le strade, la città vive per sé stessa lontano da tutto. La simbiosi si ottiene solamente se i luoghi donano alla gente la voglia di vivere e recarsi lì».
Gran premio di Roma, figura maggiore dell'architettura francese del dopo guerra, Jean Dubuisson è l’autore dei più grandi agglomerati. «Non dico che tutto quello che abbiamo fatto sia stato giusto» giudica oggi il novantenne. «Ma non è la forma delle mura o delle torri che fa siano inabitabili. il problema è l'urbanismo. Abbiamo avuto torto a costruire lontano dai centri urbani. La gente si è sentita esclusa». Ancor di più i mezzi di trasporto hanno tardato o non sono riusciti a collegare questi quartieri tra di loro o al centro città.
«Sono spiacente di quello che succede» confida Jean Dubuisson. «La Carta d’Atene contiene principi molto generali. Non dovevano essere applicati in maniera brutale. Una città è fatta di quartieri la cui personalità attrae la gente. Il problema è che questi grandi agglomerati concentrano gente che non ha scelto di vivere lì. La specializzazione delle funzioni, teorizzata dal movimento moderno, ha aggravato il malessere nel creare città-dormitorio, mancanti di negozi e attività».
«Il dividere per zone è una cretinata, ci vuole lavoro in città. La vera simbiosi è quella delle funzioni, che porta alla convivenza sociale» ha detto Paul Chemetov. Al vizio della forma originale si aggiunge un elemento in più: la scarsa qualità architettonica e urbana di queste città, che assomigliano più a delle gabbie per conigli in mezzo ai campi di erba medica che alle città radiose descritte da Le Corbusier. «I grandi agglomerati sono stati, per molti architetti, delle operazioni puramente tecniche, che gli hanno permesso di vivere come nababbi» rimprovera Paul Chemetov, […]. «Gli architetti dei grandi agglomerati non hanno mai pensato di viverci loro stessi. Le grandi agenzie non prendevano commissioni per meno di 1000 unità. Stabilivano tre o quattro modelli e li ampliavano come dei Lego per concepire delle città intere, senza interrogarsi sulla commissione né sul contesto locale».
All’ombra dei grandi agglomerati, qualche architetto difendeva nei quartieri [en banlieue] programmi in più piccola scala, dalle forme varie, articolato in quartieri. Tra questi, Renèe Gailhoustet che ha collaborato tra l’altro con il movimento di Jean Renaudie. «Noi rifiutiamo la sudditanza degli architetti ai voleri degli imprenditori» ricorda. «Troviamo sospetto che uno possa concepire migliaia di case con tre modelli di cellule. C’è stata una parata di architetti importanti sugli alloggi sociali per sfruttare il mercato, sono diventati degli affaristi. Ma si è trattato di riproduzione in serie, non di architettura. Non è un caso che tutti gli abitanti che ne hanno avuto la possibilità, alla prima occasione si sono spostati verso zone villeggianti o veri centri città».
Sotto i colpi della crisi economica, le classi medie, che hanno scoperto, entusiaste, i confort moderni tra i grandi complessi, hanno lasciato il posto a una popolazione precaria […]. Senza manutenzione gli edifici si stanno deteriorando, gli spazi verdi hanno un triste aspetto. Le municipalità rifiutano, anche dopo la decentralizzazione,ad impegnarsi in questi quartieri nati da una politica volontaristica dello Stato. Le attrezzature collettive previste sono dimenticate, i servizi pubblici disertano. Il risultato, esplosivo, è noto.
«Lo scenario non ha creato la miseria, ma la miseria ha trovato la sua cornice» ricorda Roland Castro. In difesa di queste città, Paul Chemetov e Jean Dubuisson ricordano che la qualità degli edifici, la conservazione degli equilibri sociali e le apparecchiature hanno permesso ad alcuni grandi agglomerati di durare: le mura di Dubuisson a Chambéry e Montparnasse, Pouillon a Meudon, Marcel Lods a Marly-Les-Grandes-Terres, di Henri-Labourdette a Sarcelles… «C'è una città a Ginevra per i funzionari internazionali, che è una stretta applicazione della Carta d’Atene e funziona molto bene», ha detto Paul Chemetov.
«Negli Stati Uniti i disordini sono nei luoghi di urbanizzazione tradizionale come Harlem e New York», ha detto Christian de Portzamparc, autore a Parigi delle torri delle Hautes-Formes (13e arrondissement) e del restauro delle mura della rue Nationale (13e) […].
«Se le città francesi fossero fatte di piccole città e di piccoli immobili, questo non cambierebbe molto. La forma dell’urbanizzazione prima della guerra comunica certamente un sentimento di pena. Ma qui è in causa la povertà e, nel dominio urbano, la divisione in zone funzionali, l'assenza di coesione sociale ha permesso la costituzione di spazi di segregazione».
Relativizzando la responsabilità degli architetti, il vincitore del Gran premio nazionale dell'urbanesimo 2004 ritiene che «era facile all’epoca essere accecati dall'idea di progresso. E se questa divisione in zone si è rivelata una grande stupidità, non è perché è stata applicata un’utopia architettonica, ma perché questa separazione di funzioni era perfettamente strutturale agli interessi economici e moderni dell’epoca moderna».
Bernard Reichen va più lontano. Per questo architetto, nel dipingere gli errori commessi negli anni 60, i grandi agglomerati prefigurano le città del futuro. «La forma urbana non è patologica per sé stessa. I grandi agglomerati sono stati la base di una città fuori le mura, mentre nei secoli le città sono state sempre costruite integrando progressivamente le periferie. Questa rottura non è stata un errore. Questa segna il passaggio dalla città antica, radioconcentrica, a una città territoriale, che è la realtà di oggi. In questo senso molti degli articoli della Carta di Atene sono pertinenti». Una posizione marginale o anacronistica? Bernard Reichen ha ricevuto lunedì 28 novembre il Grand Prix national d'urbanisme 2005.